VITA CONSACRATA: DONO E SERVIZIO DELLA CHIESA

Andare in basso

VITA CONSACRATA: DONO E SERVIZIO DELLA CHIESA

Messaggio  Admin il Lun Mag 16, 2011 4:17 pm

VITA CONSACRATA: DONO E SERVIZIO DELLA CHIESA
Scritto da Consolata.org
Mercoledì 11 Maggio 2011 00:00

Presentazione:
Siamo riuniti insieme per pregare e ringraziare il Signore per il dono delle Vocazioni nella Chiesa, per implorare il sorgere di nuove vocazioni nella – Vigna del Signore -.
La vocazione cristiana, dono di Dio, è patrimonio di tutti. Sia gli sposati che i consacrati sono scelti da Dio per annunciare il Vangelo e comunicare la salvezza, non da soli però, ma nella Chiesa e con la Chiesa. Meditando sulla chiamata universale di Dio a vivere e a testimoniare la salvezza, preghiamo anche perché il Signore ci faccia dono delle vocazioni di speciale consacrazione che testimoniano con la totalità della vita il servizio al Regno di Dio: la vocazione dei sacerdoti e dei diaconi, la vocazione dei religiosi, delle suore, dei laici consacrati, dei missionari.
Invocheremo lo Spirito del Signore perché apra il cuore dei giovani e li renda attenti alla sua chiamata, perché disponga le famiglie a riconoscere come segno di predilezione la grazia della vocazione di Dio ai loro figli, perché mantenga i chiamati nella fedeltà alla vocazione ricevuta e li faccia crescere in santità.

Canto di introduzione

Celebrante: Nel nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo

Tutti: Amen

Celebrante: A tutti voi, amati da Dio, chiamati da Gesù Cristo, santi per vocazione, grazia e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

Tutti: E con il tuo spirito.

Guida:
Il testo del Vangelo sul quale mediteremo è quello che ci presenta il Regno dei cieli come un tesoro nel campo, come una perla preziosa.
Il Regno è sempre un tesoro, un bene inestimabile. E’ nascosto, non è facile trovarlo. E’ necessario essere sempre alla ricerca. Chi, attraverso il messaggio di Gesù, ne ha scoperto il valore inestimabile, è disposto a rinunciare a tutto con prontezza e con gioia,pur di riuscire a conseguirlo.

Solista: Vende tutti i suoi averi e compra quel campo

Dal Vangelo secondo Matteo (13,44-46 )
“In quel tempo, Gesù disse alla folla:” Il regno dei cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo,un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il Regno dei cieli è simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.

Lettore:
Riconosciamo il Signore come l’Unico della nostra vita:
“No, Gesù tu proprio non vuoi essere uno fra tanti. A chi ti accoglie proponi di considerarti come l’unico , di valutarti come il più prezioso, /di essere disposto a lasciare, a perdere tutto pur di rimanere fedele a te. / Così , mi dici , cresce il tuo Regno; / non con gli scampoli del nostro tempo,non con gli avanzi delle nostre energie, / non con i rimasugli del nostro impegno. Chi crede in te è pronto ad impegnare tutto, / a scommettere la sua vita sul tuo disegno d’amore. / Così non c’è posto per quelli che non riescono mai a decidere./ Seguire te impegna tutte le risorse della mente, del cuore e della volontà.”

Tutti:
Signore, che ci hai chiamati secondo il tuo disegno a deciderci per il tuo Regno, donaci la gioia di essere cristiani non soltanto di nome.
Donaci “ un cuore saggio e intelligente “ perché, pieni di gioia, sappiamo scegliere sempre il tuo Regno. Amen


Breve pausa di silenzio e canto

Guida:
Meditiamo sulla Parola. Le due parabole del tesoro nel campo e della perla partono da situazioni diverse, ma giungono a conclusioni uguali. Nel primo caso si tratta di un uomo che non cerca nulla, ma la sorte gli fa trovare in un campo altrui un tesoro,ne riconosce la preziosità e quindi…

Solista: “Pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo”.

Guida:
Nel secondo caso invece si parla di un ricco “mercante che va in cerca di perle preziose”; ne ha certamente già una buona raccolta, ma con sorpresa un giorno vede una perla di cui intuisce lo straordinario valore e senz’indugio…

Solista: “Vende tutti i suoi averi e la compra”.

Guida:
Queste parabole il Signore le ha dette per noi! Sia che ci riteniamo soddisfatti di ciò che siamo o abbiamo, sia che stiamo cercando ancora qualche cosa che ci appaghi,il Signore ci offre il suo Regno :

Solista: Di fronte alla sua preziosità tutto ciò che possediamo impallidisce!

Guida:
Tutte e due le parabole mettono in evidenza il fatto che, tanto il primo uomo come il mercante,hanno avvertito immediatamente l’immenso valore di ciò che si trovano di fronte, hanno colto il momento favorevole, certi del buon affare: pieni di gioia hanno venduto ogni cosa pur di ottenere quanto hanno trovato! In quel breve istante hanno dovuto prendere una seria decisione: o le mie cose o questo tesoro, o i miei beni o questa perla…devono decidere e subito! La loro determinazione finale è stata dettata da vera saggezza!

Solista: Queste parabole, abbiamo già detto , sono per noi! Che vogliono dirci?
Davanti a noi c’è il Regno dei cieli: Cristo nostro Signore.
Lo vogliamo o no?
Con Lui viene il Paradiso: il Padre, lo Spirito d’Amore, la vita eterna…

Guida:
Ma attenti! E’ necessario prendere una decisione seria, radicale e definitiva: per avere
Cristo è necessario rinunciare al mondo, a tutto:

Solista: “Chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo” (Lc.14,33)

Guida:
Ci doni il Signore un cuore docile per sapere” distinguere “ il bene dal male, la sua sapienza perché non cerchiamo compromessi ma, obbedendo alla sua Parola possiamo disfarci di ogni cosa per assaporare la gioia di possedere Cristo.

Tutti:
La tua legge , Signore , è la mia gioia. / La mia sorte , ho detto, Signore, è custodire le tue parole. / La legge della tua bocca mi è preziosa più di mille pezzi d’oro e d’argento./ Mi consoli la tua grazia, secondo la tua promessa al tuo servo. / Venga su di me la tua misericordia e avrò vita, poiché la tua legge è la mia gioia. / Perciò amo i tuoi comandamenti più dell’oro, più dell’oro fino. / Per questo tengo cari i tuoi precetti e odio ogni via di menzogna. / Meravigliosa è la tua alleanza, per questo le sono fedele. / La tua parola nel rivelarsi illumina, dona saggezza ai semplici. (dal Sal. 119)

Canto

Guida:
Gesù stesso è la pienezza del Regno. Egli è il seme buono, la Parola che il Padre semina nel campo del mondo e che ha la capacità di trasformarlo dal di dentro, con la forza intrinseca del granellino di senapa e del pizzico di lievito.


Solista: Egli è il tesoro nascosto e la perla preziosa da ricercare e da preferire a qualsiasi altro valore,facendo spazio a Lui, e solo a Lui.

Guida:
Il Regno dei cieli è anzitutto Dio stesso, amato, goduto e annunciato; il Regno è la bellezza della grazia divina, che ci rende conformi all’immagine del Figlio:

Solista: Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto li ha anche predestinati ad essere conformi all’immagine del Figlio suo. (Rom. 8,29)

Guida:
Il Regno è la vocazione di consacrazione; è la missione da portare ai popoli che ancora non conoscono Cristo; è la fedeltà all’amore familiare; è un progetto di bene da realizzare; è la sapienza del cuore. Per tale valore supremo i martiri hanno dato la vita, i missionari lasciano la famiglia e la patria, il consacrato rinuncia a tante cose..


Canto

Guida:
L’adesione totale a Cristo richiede il “consegnarsi” incondizionato alla Chiesa per la missione. Consegnarsi vuol dire disponibilità a lasciarsi donare da Cristo al suo corpo reale che è la Chiesa. Pur avendo ciascuno una chiamata personale, Dio non ci chiama a sé come pellegrini solitari; ci chiama insieme e ci costituisce suo popolo, Chiesa.
E’ la teologia dell’Alleanza che è presente in tutta la Scrittura e che si fonda unicamente sull’amore che Dio ha per noi . Ma Dio è uno sposo esigente, che ama e che vuole essere riamato. Noi rispondiamo all’amore di Dio amando i fratelli, condividendo con loro i beni che Egli ci ha dato, diventiamo a nostra volta, annunciatori del suo Regno di amore .

Lettore:
Dal discorso del Papa Benedetto XVI nella XII Giornata della Vita Consacrata (2 febbraio 2008)

“La vita consacrata è profondamente radicata negli esempi e negli insegnamenti di Cristo signore e si presenta come- una pianta dai molti rami,-che affonda le sue radici nel Vangelo e produce frutti copiosi in ogni stagione della Chiesa. Sua missione è ricordare che tutti i cristiani sono convocati dalla Parola per vivere della Parola e restare sotto la sua signoria. Spetta pertanto in particolare ai religiosi e alle religiose - tener viva nei battezzati la consapevolezza dei valori fondamentali del Vangelo. Così facendo, la loro testimonianza infonde alla Chiesa - un prezioso impulso verso una sempre maggiore coerenza evangelica - e anzi, potremmo dire,è una eloquente, anche se spesso silenziosa, predicazione del Vangelo…Che gli uomini possano vedere le vostre opere buone, frutto della Parola di Dio che vive in voi, e diano gloria al Padre vostro celeste!.. Vi ringrazio per il servizio prezioso che rendete alla Chiesa”.

Tutti:
Figlio di Dio mandato dal Padre agli uomini di tutti i tempi e di ogni parte della terra, t’invochiamo per mezzo di Maria,Madre tua e Madre nostra: fa’ che nella Chiesa non manchino le vocazioni, in particolare quelle di speciale dedizione al tuo Regno.

Gesù, unico salvatore dell’uomo! Ti preghiamo per i nostri fratelli e sorelle che hanno risposto”si” alla tua chiamata al sacerdozio,alla vita consacrata e alla missione. Fa’che le loro esistenze si rinnovino di giorno in giorno,e diventino Vangelo vivente.

Signore misericordioso e santo, continua ad inviare nuovi operai nella messe del tuo Regno! Aiuta coloro che chiami a seguirti in questo nostro tempo: fa’che, contemplando il tuo volto, rispondano con gioia alla stupenda missione che affidi loro per il bene del tuo Popolo e di tutti gli uomini. Tu che sei Dio e vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo nei secoli dei secoli. Amen.

Celebrante: Ed ora dando voce al grido di tutta l’umanità che invoca dal Padrone della messe i buoni operai per la costruzione del Regno di Dio, preghiamo con le parole che Gesù ci ha insegnato:

Canto del Padre Nostro



Canto finale

Admin
Admin

Messaggi : 218
Data d'iscrizione : 16.12.10

Visualizza il profilo http://forummissionario.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum