NUOVO APPELLO DEL VICARIO APOSTOLICO DI TRIPOLI (LIBIA)

Andare in basso

NUOVO APPELLO DEL VICARIO APOSTOLICO DI TRIPOLI (LIBIA)

Messaggio  Admin il Gio Mar 03, 2011 12:11 am

AFRICA/LIBIA - “I Paesi che affermano di rispettare i diritti umani accolgano gli eritrei rifugiati a Tripoli”: nuovo appello a Fides del Vicario Apostolico

Tripoli (Agenzia Fides) - “Aiutateci a far uscire dalla Libia i rifugiati eritrei. Sono solo persone che desiderano di vivere in pace”. Così Sua Ecc. Mons. Giovanni Innocenzo Martinelli, Vicario Apostolico di Tripoli, in Libia, rilancia attraverso l’Agenzia Fides un nuovo appello per i circa 2mila rifugiati eritrei che si trovano a Tripoli (vedi Fides 28/2/2011).
Mons. Martinelli aggiorna sullo status del gruppo di 54 eritrei che verranno accolti dall’Italia: “I 54 rifugiati eritrei che hanno i documenti in regola partiranno tra una settimana, almeno così mi è stato garantito dalle autorità italiane. Questi 54 sono fortunati perché hanno i documenti che permettono loro di partire, ma tutti gli altri ? Non so se l’Italia potrebbe fare un ulteriore sforzo accogliendo un altro centinaio di eritrei e poi magari distribuirli in Europa”.
Il Vicario Apostolico aggiunge che “i circa 2mila profughi eritrei presenti a Tripoli vivono nelle case di famiglie libiche, che li accettano nonostante le difficoltà. Come Chiesa cerchiamo di pagare gli affitti. Ma vi sono problemi sul fronte sanitario. In particolare vi sono mamme con bambini piccolissimi, che hanno bisogno di latte e di cure mediche. C’è una religiosa che si sta interessando di queste situazioni”.
“Mi auguro che la sensibilità dell’opinione pubblica si apra al problema di queste persone che non hanno nessun punto di appoggio, a parte la Chiesa. Spero che altri Paesi, oltre all’Italia, prendano a cuore il problema di queste persone, che non possono rimanere in Libia perché la situazione è molto precaria. Non sono stati minacciati, ma il problema è che non esiste un ufficio al quale rivolgersi per ottenere dei documenti di identità. L’UNHCR (Alto Commissariato ONU per i Rifugiati) ha chiuso il suo ufficio di Tripoli. La situazione è vergognosa nei confronti di queste persone che non hanno alcun documento che certifichi la propria identità. Ma dove sono i diritti dell’uomo ? Come si può dichiarare che si rispettano i diritti dell’uomo quando poi li calpestiamo con la nostra ‘civiltà’. Capisco che non si possono accogliere tutti coloro che vogliono venire in Europa, ma almeno si accolgano quelli più colpiti dalle avversità” dice Mons. Martinelli.
Per quel che concerne la situazione della città, Mons. Martinelli afferma che “Tripoli è calma, al di fuori della capitale la situazione è però diversa. Qui la vita è quasi tornata alla normalità: diverse attività sono aperte, come la posta e le banche, dove i cittadini si recano per ritirare i 500 dinari promessi dal governo”. (L.M.) (Agenzia Fides 2/3/2011)

Admin
Admin

Messaggi : 218
Data d'iscrizione : 16.12.10

Visualizza il profilo http://forummissionario.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum